Tag Archives: pd

Marta Meo


Si tenga la poltrona ma molli il resto


A Ciwati, Wittgenstein, Gilioli, Metilparaben e Malvino

Caro Senatore, si tenga la poltrona – perché in Italia non c’è vincolo di mandato e perché nessuno mai si è dimesso dopo aver cambiato partito – ma lasci il posto di presidente al Copasir, che spetta al PD.

Ora serve pulizia


marrazzo

Al di là dell’immancabile pena che provo per coloro che ricorrono al sesso mercenario (sono liberissimi di farlo, altrettanto io sono liberissimo di giudicarli male), ancor di più quando si tratta di un personaggio pubblico che ricopre importanti incarichi governativi, trovo sconcertante la vicenda che coinvolge Marrazzo. Intanto perché ormai è definitivamente chiarito che le differenze tra destra e sinistra si vanno sempre più assottigliando, anche quando si tratta di comportamenti poco etici; poi perché, fatta salvo l’escort-gate berlusconiano, in questi anni gli scandali hanno quasi sempre riguardato il centrosinistra. Si parte dalla foto di Sircana impegnato in un puttan-tour, passando per arresti, tangenti, tessere false, rapporti con la camorra, politici uccisi, finendo allo scemo del villaggio che tramite Facebook vorrebbe assoldare un killer per piantare una pallottola in testa a Berlusconi. È molto di più di una questione morale, mi pare. Tuttavia, se non è possibile prevenire certi comportamenti, di sicuro si può agire a posteriori. Mi spiego: l’unica differenza che il Pd – o il centrosinistra – può segnalare rispetto a Berlusconi, è quella di fare pulizia quando si verificano questi casi. Per questo ritengo imprenscindibili le dimissioni di Marrazzo, che sarà pure libero di frequentare prostituti/e  ma dopo deve trarne le dovute conclusioni. Anche durante una delicata fase come quella delle primarie, i tre contendenti (più D’Alema) avrebbero dovuto trovare il tempo per imporre a Marrazzo di dimettersi. Siamo già in ritardo, è già partita l’offensiva della stampa di destra, che tende a sputtanare Marrazzo non per giudicarlo male ma per lenire nell’opinione pubblica gli errori di Berlusconi. Nel Pd ci vuole coerenza.

Beppe Grillo candidato alla segreteria del PD


Confesso che se al momento dovessi scegliere il segretario del PD tra Ignazio Marino e Beppe Grillo, non saprei su chi puntare. Lo so, molti storceranno il naso, eppure credo che Beppe Grillo sappia interpretare meglio di chiunque altro la volontà degli elettori del Pd. Questo concetto non è supportato da alcuna prova, ma è pur vero che Grillo non si è mai candidato alle primarie del Pd dunque non c’è nemmeno prova contraria. Ignazio Marino è una persona che stimo molto e con cui condivido molte posizioni, ma Beppe Grillo ci può portare sullo stesso piano di questo centrodestra. In fondo il populismo dei regnanti si combatte col populismo che sobilla le masse, l’antipolitica grillina a confronto con quella berlusconiana. Il bello, però, sarebbe che Grillo appoggiasse Marino, che a sua volta sposasse qualche buona idea lanciata dal comico genovese. Ma se fosse così nella sinistra non ci sarebbero state tante scissioni, e allora mi sa che devo tenermi il dubbio su chi votare.

Il 25 ottobre ci saranno le primarie del PDmenoelle. Voterà ogni potenziale elettore. Chi otterrà più voti potrà diventare il successore di gente del calibro di Franceschini, Fassino e Veltroni. Io mi candiderò. Dalla morte di Enrico Berlinguer nella sinistra c’è il Vuoto. Un Vuoto di idee, di proposte, di coraggio, di uomini. Una sinistra senza programmi, inciucista, radicata solo nello sfruttamento delle amministrazioni locali. Muta di fronte alla militarizzazione di Vicenza e all’introduzione delle centrali nucleari. Alfiere di inceneritori e della privatizzazione dell’acqua. Un mostro politico, nato dalla sinistra e finito in Vaticano. La stampella di tutti i conflitti di interesse. Una creatura ambigua che ha generato Consorte, Violante, D’Alema, riproduzioni speculari e fedeli dei piduisti che affollanno la corte dello psiconano. Un soggetto non più politico, ma consortile, affaristico, affascinato dal suo doppio berlusconiano. Una collezione di tessere e distintivi. Una galleria di anime morte, preoccupate della loro permanenza al potere. Un partito che ha regalato le televisioni a Berlusconi e agli italiani l’indulto.

Io mi candido, sarò il quarto con Franceschini, Bersani e Marino. Partecipo per rifondare un movimento che ha tolto ogni speranza di opposizione a questo Paese, per offrire un’alternativa al Nulla.

Il mio programma sarà quello dei Comuni a Cinque Stelle a livello nazionale, la restituzione della dignità alla Repubblica con l’applicazione delle leggi popolari di Parlamento Pulito e un’informazione libera con il ritiro delle concessioni televisive di Stato ad ogni soggetto politico, a partire da Silvio Berlusconi. Temi troppo duri per le delicate orecchie di un Rutelli e di un Chiamparino. Ci sono milioni di elettori del PDmenoelle che vorrebbero avere un PDcinquestelle. Con questo apparato affaristico e venduto non hanno alcuna speranza. Il PDmenoelle è l’assicurazione sulla vita di Berlusconi, è arrivato il momento di non rinnovare più la polizza. Arrivederci al 25 ottobre!

(via Beppe Grillo)

Int’ ‘a ‘sta città nun se salva nisciuno!… (nemmeno io)


clicca per ingrandire

clicca per ingrandire


Chille ca nun vanno fà a fila, chille che stanno arreto ‘e spurtielle, chille ca passano c’ o russo, chille ca se fermano c’ o giallo, chille ca stanno chiene ‘e miliarde, chille ca pezziente, ‘e viecche, ‘e criature, ‘e buone, ‘e malamente, nisciuno! Nun se salva nisciuno, nisciuno nisciuno, int’ ‘a ‘sta città nun se salva nisciuno!…
Chille che s’arrobano ‘e stereo, chille ca se venneno ‘e nave, chille ca se vendono ‘e figlie, ‘prufessure, ‘e scarpare, ‘e dutture, ‘e barbiere, ‘e zuoppe, ‘e cecate, ‘e travestite, ‘e monache, ‘e miereche, ‘e macellare… Nisciuno!…
‘E figlie ‘e papaà, chille ca chiagneno miseria, chille ca prestano ‘e solde c’ o interesse, chille ca mandano ‘e pacche d’ a Befana, ‘e vigile, ‘e pustine, ‘e tassiste, ‘e tranviere, ‘e signurine, ‘e bona famiglia, ‘e guardie, ‘e carcerate, ‘e ferroviere, ‘e salumiere, ‘e mariule, ‘e nutare, ‘e tutte quante d’ a stessa pasta, ‘e giudice, ‘e ricuttare, nisciuno!…
Chille ca parlano ‘e giustizia, chille ca se ne lavano ‘e mano, chille ca fanno ‘e fatture, chille ca nun sgarrano maie, chille d’ e poste, chille d’ e tasse, ‘e carruzziere, ‘e verdummare, ‘e ministre, ‘e disoccupate, ‘e bidelle, ‘e lattare, ‘e guardiamachine, ‘e guardiaspalle, ‘e benzinare, ‘e sapunare, ‘e zitelle, ‘e crocerrossine, ‘e prievete, ‘e puttane, nisciuno!…
Chille ca sa pigliano c’o “nord”, chille che pe dispietto fanno ‘o tifo p’ a Juventus, chille ca nun teneno niente ‘a perdere, chille ca scrivono ‘ncoppa ‘e giurnale, chillo d’ o Vasto, chillo ‘e Furia, chillo d’ o Vommero, ‘e Succavo, ‘e Furcelle, d’ e quartiere, chille d’ o Rione Traiano, chille ‘e via Petrarca, d’ a Sanità, d’ o Pallunetto a Santa Lucia, chille ‘e coppa via Manzoni, chille ‘e abbascia ‘a Ferrovia… ‘e tossiche, l’infermiere, l’avvocate, l’assistente sociale, ‘e panettiere, ‘e finanziere, ‘e parrucchiere, ‘e senzale, ‘e masturgiorge, ‘e fravegature, chille che fanno ‘e scippe ‘mmiezzo ‘a via, ‘e cusigliere, ‘o sindaco, ‘e cammurriste, ‘a polizia, nisciuno!… (Joe Sarnataro – Nisciuno)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: