Archivi delle etichette: mccain

McCain e Veltroni si assomigliano


veltroniobama

Diversi per schieramento politico,  diversi per nazionalità, anagrafe e storia, eppure accomunati dallo stesso triste epilogo. Come accaduto pochi mesi fa per Veltroni, anche McCain è stato travolto dal suo avversario, spodestato nei luoghi a lui più favorevoli. Obama è riuscito a mettere d’accordo quelli di colore ma anche gli ispanici, che avevano quasi sempre preferito i candidati repubblicani, e ancora i sindacati, gli intellettuali, i vip e il ceto medio, persino i ricchi che hanno preferito votare per lui ben sapendo che gli sarà chiesto di pagare più tasse. Ma al di là delle indiscutibili virtù di Barack Obama, e forse dell’inconsistenza politica del suo avversario, McCain – come Veltroni – è stato chiamato a un’impresa impossibile. Lo scontento degli elettori per un governo finisce inevitabilmente per riversarsi sul nuovo candidato di quello stesso schieramento: è nel 71% di americani delusi dal governo repubblicano di Bush che la vittoria storica di Obama affonda le sue fondamenta. In queste condizioni nessuno sarebbe uscito vincitore dal confronto col nuovo, con l’irrefrenabile voglia del cambio alla guida del paese. Obama e Berlusconi da questo punto di vista sono partiti praticamente già vittoriosi, mentre Veltroni e McCain condannati all’ineluttabile destino della sconfitta. 

Anche il tg di Fede dura mezz’ora


Perfetto. Bellissimo. Lo spottone di Obama della durata di trenta minuti, trasmesso ieri sera in prime time su sette network nazionali, è una piccola opera d’arte. Struggente, seducente: chi lo ha confezionato ha fatto un lavoro superlativo. Su queste cose gli americani hanno i controcoglioni. Non importa se conoscete o meno l’inglese, guardatelo lo stesso. E lasciate perdere i facili moralismi su quanto sia costato farlo e mandarlo in onda: nelle presidenziali americane da che mondo è mondo non si è mai parchi. Nemmeno in Italia a dire il vero, con la differenza che noi spendiamo un mare di soldi per affiggere manifesti che nessuno leggerà. Senza contare quel quotidiano tg serale di quasi mezz’ora che è Emilio Fede.

Aritmetica obamiana


Preoccupazione e ansietà. Dunque, Obama ad un certo punto era dato in vantaggio di 13 punti su MacCain. Poi il vantaggio è andato diminuendo: più o meno un punto percentuale al giorno. Al momento Obama, secondo la media di tutti i sondaggi, è in vantaggio di 4 punti percentuali. Ma se il trend è questo 4 punti non basteranno per 6 giorni. Speriamo di sì.

Don’t vote (McCain)


Ok parecchio fighetto come video ma Halle Berry è una gnocca planetaria. 🙂

(via)

Obamino


Obama e McCain

Obama e McCain

Nei confronti in tv Obama mostra di non essere all’altezza, quanto meno non all’altezza di quello che fa durante i suoi monologhi. Sembra quasi che gli venga il braccino, oppure che han ragion i maligni che sostengono la bravura di Obama costruita attraverso il gobbo e gli spin doctor. Non lo sapremo mai, ma le prestazioni di Obama nei dibattiti non lasciano molti dubbi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: