Archivi delle etichette: elezioni europee

Int’ ‘a ‘sta città nun se salva nisciuno!… (nemmeno io)


clicca per ingrandire

clicca per ingrandire


Chille ca nun vanno fà a fila, chille che stanno arreto ‘e spurtielle, chille ca passano c’ o russo, chille ca se fermano c’ o giallo, chille ca stanno chiene ‘e miliarde, chille ca pezziente, ‘e viecche, ‘e criature, ‘e buone, ‘e malamente, nisciuno! Nun se salva nisciuno, nisciuno nisciuno, int’ ‘a ‘sta città nun se salva nisciuno!…
Chille che s’arrobano ‘e stereo, chille ca se venneno ‘e nave, chille ca se vendono ‘e figlie, ‘prufessure, ‘e scarpare, ‘e dutture, ‘e barbiere, ‘e zuoppe, ‘e cecate, ‘e travestite, ‘e monache, ‘e miereche, ‘e macellare… Nisciuno!…
‘E figlie ‘e papaà, chille ca chiagneno miseria, chille ca prestano ‘e solde c’ o interesse, chille ca mandano ‘e pacche d’ a Befana, ‘e vigile, ‘e pustine, ‘e tassiste, ‘e tranviere, ‘e signurine, ‘e bona famiglia, ‘e guardie, ‘e carcerate, ‘e ferroviere, ‘e salumiere, ‘e mariule, ‘e nutare, ‘e tutte quante d’ a stessa pasta, ‘e giudice, ‘e ricuttare, nisciuno!…
Chille ca parlano ‘e giustizia, chille ca se ne lavano ‘e mano, chille ca fanno ‘e fatture, chille ca nun sgarrano maie, chille d’ e poste, chille d’ e tasse, ‘e carruzziere, ‘e verdummare, ‘e ministre, ‘e disoccupate, ‘e bidelle, ‘e lattare, ‘e guardiamachine, ‘e guardiaspalle, ‘e benzinare, ‘e sapunare, ‘e zitelle, ‘e crocerrossine, ‘e prievete, ‘e puttane, nisciuno!…
Chille ca sa pigliano c’o “nord”, chille che pe dispietto fanno ‘o tifo p’ a Juventus, chille ca nun teneno niente ‘a perdere, chille ca scrivono ‘ncoppa ‘e giurnale, chillo d’ o Vasto, chillo ‘e Furia, chillo d’ o Vommero, ‘e Succavo, ‘e Furcelle, d’ e quartiere, chille d’ o Rione Traiano, chille ‘e via Petrarca, d’ a Sanità, d’ o Pallunetto a Santa Lucia, chille ‘e coppa via Manzoni, chille ‘e abbascia ‘a Ferrovia… ‘e tossiche, l’infermiere, l’avvocate, l’assistente sociale, ‘e panettiere, ‘e finanziere, ‘e parrucchiere, ‘e senzale, ‘e masturgiorge, ‘e fravegature, chille che fanno ‘e scippe ‘mmiezzo ‘a via, ‘e cusigliere, ‘o sindaco, ‘e cammurriste, ‘a polizia, nisciuno!… (Joe Sarnataro – Nisciuno)

Le (poco) onorevoli veline


Certo meglio loro che Cirino Pomicino o Mastella, però che squallore.

(fonte Repubblica.it)

Anche lo squallore dovrebbe avere un confine


Sono mesi che si ragiona sulla possibilità e soprattutto sull’oppurtunità che il Sindaco di Napoli, Rosetta Iervolino, e il Presidente della Regione Campania, Bassolino, lascino i posti ricoperti per trasmigrare al Parlamento Europeo, una sorta di incentivo o buonuscita a riprova che fare male in politica a volte è pure un merito. Veltroni e lo stesso Bassolino, tuttavia, avevano chiarito che non c’era alcun progetto al riguardo, anzi il governatore fece sapere di essere intenzionato a restare al suo posto fino alle prossime elezioni. Mai alcuna parola, alcuna smentita è stata invece pronunciata dalla Iervolino, a questo proposito Repubblica pubblica alcune indiscrezioni sulle imminenti elezioni europee che vedrebbero candidata per il Pd anche la sindaca di Napoli. Ma la cosa che ho trovato davvero preoccupante è che secondo Repubblica non sia la Iervolino a pretendere la candidatura, viceversa il Pd a pressarla. Insomma voglio vivamente sperare che questa interpretazione del giornalista sia fasulla, altrimenti nulla ci potrà più salvare.

IERVOLINO – Anche Rosetta sfoglia i petali della margherita. Mi candido, non mi candido. Stavolta il pendolo sembrerebbe oscillare verso una discesa in campo alle Europee di primavera, lasciando così la poltrona di sindaco al suo vice Santangelo. Almeno fino al 2010 quando ci sarebbe l’accoropamento elettorale di Regione e Comune. Nei giorni scorsi la cosa sarebbe stata discussa dalla stessa Iervolino a Roma, in un incontro col segretario del Pd, Dario Franceschini. Non è la Iervolino che chiede di candidarsi ma il suo partito, di cui è membro della direzione nazionale, che lo vorrebbe anche per mantenere un equilibrio delle quote rosa in lista, considerato che non sono molte le donne potenzialmente candidabili alle prossime Europee. Inoltre, è noto, la sindaca ha casa a Bruxelles; lì ha una figlia e tre nipoti, e non ha mai fatto mistero della sua predilizione nel lavorare alla stesura di leggi e commi piuttosto che fare l’amministrazione.


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: