9 considerazioni di Camillo su calciopoli


Che le cose si stiano mettendo bene, e per bene intendo che si potrebbe finalmente ristabilire la verità su calciopulitopoli, lo dimostra il fatto che i giudici che hanno emesso le sentenze sportive, Sandulli e Ruperto, hanno sentito il dovere di spiegare che se avessero avuto a disposizione le intercettazioni insabbiate le responsabilità e le penalità sarebbero state più estese e che nelle sentenze avevano suggerito di non assegnare lo scudetto vinto regolarmente sul campo dalla Juventus nel 2006.
C’è anche la dichiarazione di uno dei tre saggi di Guido Rossi che parla apertamente di procedimento da riaprire.
Allora, procediamo con calma:
1) la prima cosa che si dice, e la dicono Moratti e i suoi severgnini, è che non si possono paragonare queste nuove (ma in realtà vecchie) telefonate con quelle di Moggi. Ora io non so se davvero credono di prenderci in giro o cos’altro, ma la telefonata di Facchetti a Mazzei (allora designatore senza sorteggio dei guardalinee) da sola è cento volte più compromettente di tutte le telefonate trascritte di Moggi. Forse soltanto la telefonata di Meani a Collina, uscita soltanto adesso è più grave di questa di Facchetti. Ricordatevi che la telefonata chiave contro Moggi è quella in cui Moggi, al telefono con la sua segretaria, mostra di sapere in anticipo rispetto al comunicato della Federazione, i nomi degli arbitri nelle griglie. Un’accusa ridicola, perché la formazione delle griglie è materia semi scientifica.
Comunque Facchetti chiede a Mazzei di mandargli due guardalinee bravi e quello gli dice – alla vigilia di Inter-Juve, non di Inter-Canicattì – che gli manda il numero 1 e il numero 2. Bene, giusto, anche Moggi faceva così (come dice la senteza di Maddalena a Torino: rompeva le scatole per avere i più bravi, perché sapeva che aveva la squadra più forte e quindi gli bastava avere arbitri capaci per vincere).
A Facchetti però non basta. Chiede a Mazzei anche un arbitro particolare: il numero 1 (probabilmente Collina). Mazzei gli dice che non si può, perché c’è il sorteggio, ma Facchetti gli dice “ma va”, gli dice che in questo caso non devono fare il sorteggio. Insomma non solo parla di guardalinee ben prima della designazione, ma suggerisce a uno dei designatori di falsificare il sorteggio (altro non può voler dire quel “non devono fare i sorteggi, ci devono…”, perché i sorteggi non si potevano improvvisamente abolire).
2) la telefonata di Meani a Collina varrebbe da sola la radiazione di Collina, già salvatosi nonostante quattro anni fa si incontrava di notte, nel giorno di chiusura settimanale per non dare nell’occhio, nel ristorante di un dirigente del Milan con i capi della società. In questo caso Collina ride di gusto con il responsabile degli arbitri del Milan (ed ex guardalinee) e gli fa grandi complimenti dopo aver appreso i nomi dei due guardalinee che sono stati assegnati ai rossoneri ed evidentemente non solo cari, ma anche suggeriti dallo stesso Meani.
3) le altre telefonate di Facchetti e Moratti, checché ne dicano al loro ufficio stampa interno alla redazione sport del Corriere, sono piene di altre violazioni del principio di lealtà sportiva (ex articolo 1 del codice) che è stato contestato giustamente alla Juventus. O vogliamo dire che a Moratti era permesso parlare di arbitri con i designatori, andarli a trovare prima delle partite e farsi fare l’occhiolino dai guardalinee a fine partita, specie se sono stati accordati quei cinque minuti di recupero necessari a ribaltare uno 0-2 in 3-2. Per non dire della frase che il designatore dice al presidente: “Mi raccomando, ora facciamo dieci risultati utili di fila, eh?”. O quell’altra che lo stesso designatore, amareggiato, dice a Galliani: “Potevamo pareggiare” (era Milan-Juve dello scudetto). Stupidaggini, chiacchiere da bar dello sport, nessun illecito ma frasi che se fossero state rivolte a Moggi sarebbero state la prova provata dell’esistenza della cupola
4) a proposito di cupola: a prescindere dal contenuto delle nuove intercettazioni (ma in realtà sono vecchie) la presenza di tutte queste telefonate interiste ai designatori fa cadere la teoria della cupola moggiana, perché se tutti, tutti, da Moggi a Cellino, dal Milan all’Inter, intrattenevano rapporti stretti e intensi con arbitri e guardalinee e designatori vuol dire che “l’illecito strutturale”, ovvero il reato inventato da Francesco Saverio Borrelli per colpire la Juventus, era così strutturale che riguardava non solo la Juventus, ma anche tutti gli altri protagonisti. Io continuo a pensare che fosse un malcostume generalizzato, roba da Italietta e non un illecito sportivo, visto che anche secondo le sentenze non ci sono casi di partite, sorteggi, arbitri comprati. Ma se lo si considera reato nel caso della Juve, allora va esteso anche agli altri.
5) la Juventus continua a non dire niente, se non una breve dichiarazione dell’avvocato Zaccone e di John Elkann al Corriere. Zaccone non lo voglio nemmeno sentir nominare, Elkann nega senza argomentare che la Juventus sia stata parte attiva nella gestione con retrocessione dei processi di quattro anni fa.
5 bis) se Elkann riesce davvero ad assumere un altro Blanc, peraltro interista, come allenatore della Juventus per la prossima stagione non credo che risponderò di me stesso. Blanc è certamente bravo, ma come gli può venire in mente? E allora prendete Hodgson, no?
6) la domanda delle domande è questa: come mai queste telefonate sono state scartate quattro anni fa? Come mai non sono state trascritte dagli uomini del tenente colonnello Auricchio? I pm di Napoli avevano detto in udienza pubblica che “piaccia o non piaccia non ci sono telefonate di Moratti ai designatori” o di altri. Invece c’erano. I magistrati lo sapevano o sono stati fregati anche loro?
7) i giornali e i Torquemada sono in fibrillazione. Sono costretti a pubblicare le intercettazioni (anche perché alla Pravda Rosa non c’è più Verdelli), ma tentano di coprirle di sabbia con articoli pieni di falsità sui processi di quattro anni fa (le cui sentenze non hanno letto) e varie cose campate in aria
7 bis) da Guinnes dei primati il corsivo del capo della redazione sportiva del Corriere su Moratti, secondo cui il patron degli indossatori di scudetti altrui sarebbe stato “troppo buono” con Vieri e chissenefrega se l’ha fatto spiare per un anno servendosi del servizio illegale della Telecom di Tavaroli. Viene da chiedersi, a questo punto, come mai non abbiamo letto sul Corriere corsivi simili contro le proteste dell’editorialista del Corriere Massimo Mucchetti e l’ex amministratore Rcs Vittorio Colao, entrambi spiati dalla struttura illegale della Telecom.
8) sì, la Telecom era la società guidata allora da un vicepresidente-coproprietario dell’Inter (Tronchetti), vicepresieduta da un vicepresidente dell’Inter (Buora), partecipata societariamente dal patron degli indossatori (Moratti) e in passato presieduta da un avvocato già membro del cda dell’Inter e poi divenuto commissario straordinario della Figc che ha cancellato un grado del processo sportivo; scelto a uno a uno i giudici della commissione giudicante e, infine, assegnato lo scudetto agli indossatori malgrado la sentenza sportiva gli avesse consigliato di non farlo (Guido Rossi, oggi intervistato da Repubblica su questioni etiche);
9) Siamo al momento chiave, di fronte a una possibile svolta. C’è ancora il rischio concretissimo che prevalga la mostrificazione di Moggi e l’insabbiamento di tutto il resto, ma se nell’udienza di Napoli del 13 aprile saranno svelate altre telefonate la gran bufala del 2006 potrebbe finalmente essere accertata. Sempre che giudici, giornalisti e la Figc facciano il loro dovere.

(Christian Rocca)

4 Risposte to “9 considerazioni di Camillo su calciopoli”

  1. mercoledì, 7 aprile, 2010 alle 19:20
    cominciano ad aver paura, continuiamo con e-mail, fax, lettere, interventi sui forum, a difendere la juventus e a scoprire la verità. i pinocchi giornalisri e i perdentoni- spreconi, cercano di tacere o minimizzare quello che sta venendo a galla, continuiamo a farci sentire

  2. Da Juventino spero che si faccia chiarezza su tutta questa vicenda!!!!Quando è successo il gran casino della farsa di calciopoli per quanto riguarda la Juve….ero più che sicuro che se ci fossero stati “illeciti”, con la squadra e sopratutto dirigenza che avevamo in quei anni,non avevamo bisogno di nessun aiuto…..almeno più di quanti ne avrebbero sicuramente dovuti avere gli altri per competere con noi!!!!!!!!!A questo punto,se ci fossero prove……….tutti in B….e magari…..che paghino anche gli interessi!!!!!!!!

  3. TUTTI I TIFOSI COMPRESO LA JUVENTUS CLUB DEVONO ESSERE CONTENTI X COME E ANDATA A FINIRE , CON SOLTANTO 2 SCUDETTI REVOCATI , CALCOLANDO CHE SONO STATI CONTROLLATI 2 ANNI DI INTERCETTAZZIONI. SE PARTIVONO CON I CONTROLLI 50 ANNI FA ORA LA JUVENTUS CLUB AVREBBE AVUTO ALTRI 27 SCUDETTI REVOCATI, RINGRAZIARE LA FIAT SOPRATUTTO. SI E SEMPRE DETTO CHE GLI ALBITRI ARRIVAVANO A TORINO IN TRENO X ANDARE VIA IN UNA AUTO MARCHIATA FIAT. FORZA INTER

    • Beh si è sempre detto anche che “moratti non parlava con i designatori”…caro MOGGIO…se ne dicono di stronzate😀

      Poi se proprio vogliamo far partire le intercettazioni a 50 anni fa mi sa che non conviene neanche all’inter visto quello che il fratello di Mazzola diceva:

      “Nel 2004 Ferruccio Mazzola pubblica il libro Il terzo incomodo (così lui si sente tra le grandi figure del papà Valentino e del fratello Sandro), e un po’ come ha fatto Carlo Petrini nei suoi libri, scrive una serie di pesanti accuse al mondo del calcio.[1] Il mago Helenio Herrera che metteva le anfetamine nel caffè[2] e quant’altro, compresa la non troppo velata accusa che le cause delle morti di molti dei calciatori della Grande Inter (se ne contano sei, ad oggi, comprese le riserve più altri due casi di malati gravi lungodegenti [3]) fossero da attribuire anche alle pratiche non ortodosse dell’epoca (d’altronde è proprio su questi fatti che da tempo indaga il PM torinese Raffaele Guariniello). Ferruccio Mazzola dice queste cose anche in un’intervista sul settimanale L’espresso [4] ed in una puntata di Domenica in questo lo porterà alla rottura dei rapporti con il fratello e con la società dell’Inter, che nella persona di Massimo Moratti e Giacinto Facchetti (anch’egli tra quelli accusati da Mazzola di far uso di doping), sporgeranno querela.[5] Facchetti morirà di cancro al pancreas nell’estate del 2006. Secondo Mazzola le seguenti morti (ad esse è stato aggiunto solo Facchetti, deceduto dopo la pubblicazione del libro) di ex calciatori (ma alcuni di essi hanno militato solo nelle giovanili o nelle riserve), sarebbero da mettere in relazione a quello che gli stessi erano “costretti” ad assumere all’epoca:

      * Armando Picchi: morto a 36 anni nel 1971 per tumore alla colonna vertebrale
      * Marcello Giusti: morto a 54 anni nel 1999 per tumore cerebrale
      * Carlo Tagnin: morto a 67 anni nel 2000 per osteosarcoma
      * Mauro Bicicli: morto a 66 anni nel 2001 per tumore al fegato
      * Ferdinando Miniussi: morto a 61 anni nel 2001 per epatite C
      * Giacinto Facchetti: morto a 64 anni nel 2006 per tumore al pancreas
      * Enea Masiero: morto a 65 anni nel 2009 per tumore

      Non vedo SANTI…

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: