L’astensionismo è un’espressione di democrazia


Resto del parere che in ogni caso sia importante scegliere, dunque votare, sempre. Tuttavia il ragionamento di Andrea Romano è altrettanto valido.

La vera novità di queste elezioni (l’emersione di un partito del non voto di dimensioni mai viste nella storia repubblicana) può essere analizzata da due prospettive radicalmente differenti. La più semplice e diffusa è quella che in questi giorni abbiamo letto e ascoltato da più parti: se l’esercizio del voto è un “dovere civico”, come recita l’articolo 48 della nostra Costituzione, chi non vota rinuncia a decidere del proprio futuro e consegna le chiavi del paese o della regione al primo che passa. Ne deriva che gli astenuti hanno sempre torto e che la crescita del non voto è un sintomo allarmante di distacco dei cittadini dalla democrazia. Detta con un pizzico di crudezza: la minestra che passa il convento va sempre accettata con gratitudine, anche se è ben lontana dall’essere gradevole al palato.

La seconda lettura è più lontana dai canoni tradizionali del discorso pubblico italiano e guarda alla nuova fisionomia che l’astensione dal voto ha assunto nelle democrazie contemporanee. Non solo negli Stati Uniti, dove com’è noto l’esercizio del diritto di voto comporta un sovrappiù di volontarismo richiesto dalla registrazione alle liste degli elettori, ma anche in paesi come la Francia e la Gran Bretagna che certamente non possono essere considerate esempi di democrazia incompiuta. In questi come in altri casi si segnala ormai da anni un andamento variabile della partecipazione al voto. Non tanto un calo costante dei votanti, ma per l’appunto una variazione quantitativa del partito degli astenuti in relazione alla migliore o peggiore qualità dell’offerta politica. Detta con lo stesso pizzico di crudezza: se la minestra che passa il convento proprio non mi piace, posso anche saltare la cena senza sentirmi in colpa. Non lo farò per sempre né maledirò la generosità dei frati, ma forse la prossima volta quella loro mensa potrà fare più attenzione alla qualità della cucina.

viaL’astensionismo è un’espressione di democrazia – Andrea Romano.

No comments yet... Be the first to leave a reply!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: