La Georgia doveva pensarci prima


Stando alle ultime voci provenienti dalla Georgia è del tutto evidente che i Russi si sono fatti prendere la mano. In ogni caso tutto questo non sarebbe successo se il Governo Georgiano non avesse bombardato la regione del paese autonomista e filo-russa. Nel tentativo di impedire l’ennesimo caso “Kossovo”, cioè l’autonomia riconosciuta dalla comunità europea, la Georgia si è infilata in brutto vicolo cieco che avrà pesanti ripercussioni sulla geografia nazionale. Non solo rischia definitivamente di perdere l’Ossezia indipendentista, ma anche un’altra regione che in queste ore è tornata a chiedere un processo di indipendenza dalla Georgia. I russi non si sono solo limitati ad aizzare le folle, cercando di ricavarne profitti politici ed economici, ma hanno invaso la Georgia con la giustificazione dell’intervento umanitario. Naturalmente sanno bene che non possono puntare all’annessione delle regioni georgiane, ma alla loro indipendenza sì. Sanno anche che nessuno potrò muovere un muscolo in quell’area e che la diplomazia farà solo il loro gioco. Una volta occupata la Georgia militarmente, la Russia imporrà le proprie condizioni per il ritiro ed è facile prevedere che la spunterà. Intanto perché la comunità europea ha creato un pericoloso precedente riconoscendo l’indipendenza del Kossovo, poi perché molti sono i paesi che dipendono energeticamente dal Cremlino, infine perché osteggiarla significherebbe poi ritrovarsi il “veto” russo nel consiglio di sicurezza quando si tratterà di affrontare decisioni che interessano molto agli Stati Uniti. Che adesso il presidente georgiano invochi l’intervento della comunità internazionale è francamente puerile. Doveva pensarci prima.

3 Risposte a “La Georgia doveva pensarci prima”

  1. Il Kosovo come precedente non credo possa considerasi pericoloso, in fondo con l´indipendenza con è cambiato granchè, e lo dico da sudtirolese (e cioè uno che sente parlare di indipendenza e autodeterminazione ún giorno si e l´altro anche)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: