Antonello Caporale: se non ci fosse bisognerebbe inventarlo


Se avessi il piacere di conoscerlo personalmente, tra un caffè e una sigaretta gli direi: Antone’ sei un gran paraculo. Ovviamente l’espressione avrebbe senza dubbio un’accezione lusinghiera, considerato che Antonello Caporale è il giornalista che più mi piace leggere in assoluto. Perché è graffiante come pochi, incisivo e provocatore, un abile retroscenista ed è uno che di fronte al potente di turno non ammicca ma pone domande secche e scomode. Per esempio quando dice a Caveri, ex presidente della Regione Valle D’Aosta, da molti additato come “omosessuale”, “di lei si sa che apprezza le donne”, l’altro cade nella provocazione e pronuncia il suo coming out al contrario, sostenendo non solo di essere eterosessuale ma anche un famoso tombeur de femmes. Naturalmente un famoso sciupafemmine non ha alcun bisogno di affermare la sua eterosessualità, Caporale lo sa e affonda un’altra domanda malandrina sul taglio di capelli a caschetto. E quando Caveri risponde che i suoi capelli sono addirittura invidiati, il bravo Antonello gli replica: però danno identità al suo volto.

3 Risposte a “Antonello Caporale: se non ci fosse bisognerebbe inventarlo”

  1. convengo che caporale è un gran giornalista. uno che le inchieste le fa. 😉

  2. Ottimo giornalista.

  3. coe tradurre in inglese il titolo dell’ARTICOLO ” se non ci fosse bisognerebbe inventarlo” ?
    chi mi aiuta? grazie! ^____^

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: