In difesa di Beppe, Sabina e del diritto di opinione


Io che non ho mai avuto parole lusinghiere per Beppe Grillo, stavolta devo difenderlo dall’accusa di vilipendio al Presidente della Repubblica. Nel suo intervento, praticamente lo stesso che va ripetendo da diversi mesi, non ho udito insulti ma dure critiche motivate. Sostenere che Pertini non avrebbe mai firmato una legge a salvaguardia di se stesso, mentre Giorgio Napolitano disciplinatamente vidima tutto quello che gli passa Berlusconi, non è un insulto ma esercizio del diritto di critica e opinione.
Lo stesso dicasi per lo “sfogo” di Sabina Guzzanti, che depurato di un’accusa specifica purtroppo non comprovata, rientra fedelmente nel diritto democratico a manifestare le proprie idee. E ancora: in questo paese si potrà mai manifestare il proprio anticlericalismo, senza che venga classificato come offesa al Santo Padre?
Il problema mi sembra semmai l’atteggiamento del partito democratico che sì è subito affrettato a fare da scorta al presidente ex compagno, senza curarsi di replicare alle critiche subite di immobilismo e alle accuse del centrodestra che di manifestazioni “eversive” con insulti al capo dello stato, ai giudici e agli elettori di centrosinistra ne ha organizzato a bizzeffe.

aggiornamento:

Dario ha scovato l’articolo del giornale argentino Clarin cui ha fatto riferimento la Guzzanti. Qui la versione tradotta del testo.

8 Risposte to “In difesa di Beppe, Sabina e del diritto di opinione”

  1. il discorso è: ma esiste ancora il diritto di critica e di opinione? E ancora: esiste il potere di esprimere liberamente le proprie idee??

    in realtà, credo che la casta (di cui ci siamo dimenticati tutti troppo velocemente) difenda il suo non-diritto ad essere criticata …

    siamo ancora troppo caproni e troppo lontani dall’avere una *reale* coscienza civica, per poter solo sperare che la situazione possa cambiare.

  2. C’è modo e modo di dire quelle stesse identiche cose…E’ vero che Grillo parla così da sempre, ma quella era una manifestazione politica, non di soli grillini, e avrebbe forse richiesto toni differenti e più opportuni. Dalla Guzzanti ci si poteva pure aspettare qualcosa del genere, ma è stata troppo caricata dall’accessiva enfasi giornalistica. Il risultato: un inasprimento ulteriore del clima non accompagnato da nulla di costruttivo su cui ragionare…

  3. vergogna! attaccare il Papa è solo sintomo di profonda miseria e di evidente disagio mentale, complimenti

  4. ma il papa non sbaglia mai !? la storia e del cristianesimo comprende molti crimine contro l’umanità, andiamo cauti
    nel dare del miserabile alle parole della guzzanti. dio non ha fulminato la guzzanti e tantomeno il papa e il clero che possiede una banca lo IOR che possiede ricchezze immense.

    secondo aspetto c’è un emergenza democratica perche finora
    non ho letto nessun giornale e televisione a parte questo che avesse giustamente osservato che non c’è nessuna offesa
    di Grillo al capo dello stato ma piuttosto una critica motivata e fondata dai fatti.

  5. Il diritto di opinione e la libertà di espressione ovviamente sono insindacabili, ivi compresa la libertà di esercitare questi diritti in modo masochistico ed inopportuno.
    Vorrei capire: doveva essere una manifestazioni contro le leggi fatte ad uso e consumo del premier?
    E allora in una manifestazione, che avrebbe dovuto catturare l’appoggio o perlomeno l’attenzione degli italiani, di sinistra, di destra, magari cattolici o moderati o anche elettori perplessi della Cdl e soprattutto della Lega (le perplessità della Lega erano evidenti), andiamo a sparare delle volgarità che sicuramente fanno scappare gran parte dei cattolici e dei moderati, con un umorismo “di patta” che lascia attonito anche chi come me ha in molte occasioni apprezzato le qualità artistiche della Guzzanti.
    Gran bella “alzata d’ingegno”, per dirla alla Montalbano. E adesso la colpa sarebbe di Veltroni?
    E poi, francamente, a me non interessa per nulla di sapere se e come la Carfagna e Berlusconi hanno fatto sesso (ammesso che l’attrezzatura del nostro sia ancora funzionante), argomento che magari interessa di più ai perbenisti e appassionati di gossip che in massima parte vota a destra, a me interessa sapere se e come Berlusconi ha corrotto dei giudici, non perdiamo di vista l’obiettivo ed evitiamo il gossip.

  6. Il ‘No Cav Day’ di piazza Navona potrebbe rappresentare l’alba dell’ennesima magia del maggioritario: la nascita di un altro ‘partito’ per i tanti disperati orfani della sinistra.
    La voce è più che attendibile: il Papà della Comica…
    Una famiglia tanto unita!!!

    Leggere per credere: http://www.spigoli.info

Trackbacks/Pingbacks

  1. Blog Miss Net » In difesa di Beppe, Sabina e del diritto di opinione - 9 luglio 2008

    […] metcav: […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: