Da grande voglio fare il professore


 

Dopo il parlamentare quello dell’insegnante è il lavoro più comodo al mondo. Cinque ore scarse di lavoro al giorno, in un ambiente caldo e coperto, senza rischi per la vita, e soprattutto con cinque mesi di ferie pagate all’anno. 

 

9 Risposte a “Da grande voglio fare il professore”

  1. direi che vale più per il discorso ferie…
    l’idea di dover trovare un modo per farmi ascoltare da dei mocciosi prepotenti, mi manda in depressione!

  2. @ Giuy
    santissime parole 🙂
    E comunque neppure il discorso ferie vale. Mia madre insegna e 5 mesi direi proprio che non se li fa…tra riunioni, progettini inutili, relazioni, corsi di aggiornamento…

  3. Tanto di post che sembrava paris hilton che convoca una conferenza stampa per dire che si sposa… io mi disintossico… ci vediamo tra un mese… e poi sta qua. e chi ha orecchie per intendere, intenda. 😛

    Comunque anche mia madre è prof. di scuola superiore (dal 1981) e lo è pure la mia ragazza (che come primo lavoro fa la ricercatrice precaria e come secondo fa supplenza alle medie 12 ore a settimana). E’ un lavoro comodo e per niente stressante o impegnativo (al contrario di quello che dicono in molti per lamentarsi), tutto sommato per il numero di ore di impegno è discretamente retribuito, ma ci sono sempre quei 6-7 pomeriggi al mese di consigli, colloqui, scrutini, etc. Oltre al tempo per preparare la lezione, preparare i compiti, correggerli, … Nulla di fenomenale, però è tempo che si somma alle 4-5 ore al giorno. Le vacanze abbondano ma non sono 5 mesi, vanno da metà giugno a fine agosto per chi non fa esami, insomma da 1,5 a 2,5 (non lavorativi, perche se si tolgono sabati e domeniche diminuiscono)

  4. Se riesco a fare 3 settimane di ferie all’anno mi va già grassa. Lamentatevi…

  5. e io che ho diritto a 10 giorno di ferie ogni 6 mesi (contrattino di 6 mesi, attualmente).
    Se ce lo avessi a tempo indeterminato, avrei diritto a 22/24 giorni di ferie all’anno.

  6. Certamente rispetto al passato anche i professori hanno visto aumetarsi le ore di lavoro e gli impegni. Ma direi che, rispetto agli altri lavoratori che si fanno 40 ore alla settimana e che le ferie le vedono solo nelle settimane centrali di agosto, spesso solo quando lo decide il capo, non si possono lamentare!!!

  7. I giorni di scuola sono 200 per legge; a questi vanno aggiunti i giorni degli esami a giugno e di prparazione dell’anno a settembre. Si arriva così a 220, quanto quelli lavorativi.

    Sembrano di più perchè sono tutti insieme

    (non sono un insegnante, ma non sopporto il pressapochismo che va tanto in voga su questo argomento)

  8. Io da grande voglio fare il prof. di musica alle medie!!!! Intanto il lavoro da insegnante è bellissimo e per niente stressante. Si tratta di diciotto ore settimanali piu scrutini, collegi docenti, e bagoli vari! Io credo sia un lavoro bellissimo ed io lo farei anche 40 ora alla settimana!!!!!!!!!!
    P.S.: Non proprio 40 ma 30 sì!Hi hi hi

  9. Insegnante stressato Rispondi 19 maggio 2010 a 00:06

    Il lavoro del professore non sarebbe per niente stressante?!

    Ma se esiste addirittura una malattia specifica chiamata “sindrome burnout degli insegnanti”, studiata in un apposito piano di ricerca, il Progetto Getsemani!

    http://www.edscuola.it/archivio/psicologia/burnout.htm

    Non sapete cosa vuol dire trovarsi in mezzo ad una bolgia di ragazzini ululanti e cafoni. E lo stipendio è da fame.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: