La sicurezza è di destra


Gli albergatori sbottano preoccupati: se Maroni decreterà il carcere per i clandestini rischiamo un brusco calo di avventori fedigrafi. Scherzi a parte, la questione della sicurezza è molto più seria. Dalle imbarazzanti frasi della Finocchiaro sul caso Travaglio a quelle scontate sulla sicurezza. Il centrosinistra torna a mostrare il suo lato debole, continuando a non capire il dato elettorale. D’accordo, le misure prospettate dal ministro padano sono molto dure, forse anticostituzionali e un po’ xenofobe, ma è quello che la gente chiede. La maggioranza degli italiani – anche di sinistra – ha da tempo lanciato il grido di allarme raccolto e fatto proprio solo dal centrodestra. Se il centrosinistra si ostina su certe posizioni vuol dire che è fuori dal sentire comune, e quindi non merita di governare questo paese.

 

11 Risposte a “La sicurezza è di destra”

  1. perfettamente d’accordo. E sui rom continuano a non pronunciarsi. CErto, sicuramente i giornali ci marciano sopra, però è anche vero che c’è un’emergenza. Le notizie di cronaca non se le inventano, purtroppo.
    Questa sinistra non vuole capire che urge mano pesante contro la criminalità e si chiedono regole ferree contro l’immigrazione clandestina, proprio per paura che questa vada ad aumentare la criminalità (cosa che sembra essere confermata dalle statistiche).
    E finchè non lo capiranno…

  2. Eh, caro Antonio, è ora di spartizioni …

  3. E’ ipocrisia.
    Come si puo’ pretendere durezza e giustizia della pena da un accrocchio di prescritti e di persone che non rispettano la legge in primis?
    La strumentalizzazione del ROM rapitore di bambini fa presa sempre e comunque.
    Non voglio dire che la mancanza di regolamentazione di ROM e di immigrati vada bene … tuttaltro, ma i media che ingigantiscono casi come quelli di questi giorni tralasciando la realta’ dei numeri e dei fatti non fanno altro che alimentare una psicosi da immigrato che aiuta solo chi sguazza in questi luoghi comuni.
    I dati del ministero dell’interno (già ai tempi di Maroni) parlano di una infinitesimale percentuale di reati a carico di stranieri contro un elevatissimo numero di reati da parte di ITALIANISSIMI….
    Facciamo attenzione a farci traviare…
    Su Travaglio non posso fare altro che confermare la tristezza di questo PD che si associa alla crocifissione di un vero giornalista che ha il coraggio di dire e DOCUMENTARE i propri pensieri.

  4. Antonio, sei vittima anche tu della cattiva informazione, quella che fa il gioco della destra e soffia sulla paura, mi spiace. Il problema è la percezione che si ha di insicurezza, ci hanno fatto il lavaggio del cervello in questi due o tre anni e siamo convinti di non essere sicuri.

    Non dico che il problema non esista, ma va molto ridimensionato, proprio alla luce dei numeri che la gente non guarda e non capirebbe. Al contrario di quanto si legge e si sente in giro, non viviamo in una situazione di emergenza, anche se il problema va ovviamente trattato.

    Ti rispondo con due link a una fonte ufficiale, il Ministero dell’Interno.

    http://www.interno.it/mininterno/export/sites/default/it/assets/files/14/0902_ABSTRACT_rapporto_sicurezza_2006.pdf

    http://www.interno.it/mininterno/export/sites/default/it/assets/files/15/0704_criminalitx_italia_18_febbraio_08.pdf

    Non c’è tanto bisogno di commentare i numeri. In generale nell’ultimo biennio la criminalità si mantiene stabile, se non è addirittura in calo. Si riscontrano picchi a metà del secondo semestre 2006, poi è stato fatto qualcosa, tanto riportare la situazione sotto controllo.

    A sentire Vespa and company l’Italia sarebbe un covo di assassini, quando invece gli omicidi sono in diminuzione da anni.
    Le donne temono di essere stuprate da rumeni e marocchini, ma nell’ultimo biennio c’è stata una forte diminuzione di questo reato.

    Dopo un incremento leggero nel 2006 il numero di furti totali scende nel 2007, solo i furti in casa sono in ascesa, le rapine calano.

    Non commento oltre, perché tutti avete occhi per leggere e teste per capire, ma una cosa è sicura: se si deve parlare di emergenza sicurezza, allora bisogna andare molto indietro negli anni, a metà anni ’80 e inizio anni ’90, ma non si può affermare che ultimamente il rischio per la nostra sicurezza sia cresciuto molto, tanto da basarci una campagna elettorale. Il problema certo va affrontato, perché tutti hanno diritto a una vita più sicura e vorrebbero parlare di criminalità in forte diminuzione, ma quello che si fa in giro è pura propaganda.

    A questo punto quello che “qualcuno” dice circa giornalisti italiani, gente informata male o serva dei partiti, delle banche e degli industriali, devo cominciare a prenderlo per vero.

  5. PS: dimenticavo una cosa. se si guarda il primo link a fine pag 26 e inizio 27 la situazione è ancora più chiara. la turco-napolitano ha incrementato il numero di clandestini espulsi fino al 2002, anno di introduzione della tanto conclamata bossi-fini, che è servita solo a regolarizzare qualche immigrato nell’anno di introduzione e poi non ha fatto altro che riportare il numero di espulsi ai livelli del ’98 (e però l’immigrazione il quel periodo è aumentata di molto). praticamente la bossi-fini non riesce a rimpatriare i clandestini, per i vari motivi citati nel documento, e questo è esattamente il contrario di quello per cui è stata pensata.

    alla luce di tutto ciò, dubito che le misure sbandierate da questo governo neo-fascita xenofobo porteranno a qualche risultato.

  6. Che cazzata. Quindi il compito di un politico è soddisfare i bisogni della gente? Magari è il caso di interrogarsi se la gente abbia veramente questi bisogni, e perchè, e percome.

  7. Il problema dell’immigrazione clandestina è reale e tangibile a tutti, ma il problema delle integrazioni razziali nella nostra società deriva in primis da una nostra arretratezza culturale media, tendiamo ad isolare l’extracomunitario e a trattarlo da diverso, questo non facilita di certo l’integrazione di chi nella quasi totalità dei casi proviene da situazioni difficili nel paese di origine, dovremmo essere più accoglienti con chi viene per integrarsi e più intransigenti per chi ha solo l’intento di delinquere.

  8. Molti bambini hanno paura del bau-bau, anche se non esiste.
    Qualcuno, per qualche sadico motivo, o per aiutarlo a vincere le sue paure ( dfirebbe un sociologo d’accatto), gliene ha parlato.
    Lui lo teme.
    Bisogna aiutare il piccolo a vincere quella paura.
    Ho usato una immagine paradossale per dire che il problema della incicurezza c’è, viene percepito amplificato, qualcuno lo strumentalizza.
    Occorre affrontarlo avendo attenzione alla sua complessità.

  9. E’ solo politica del terrore. scelrotizzazione delle paure sociali. Demagogia, in altri termini.
    La sicurezza è demagogia, ed è di destra.
    Sono arrivata qui per caso, da google, e ho trovato interessante questo tuo blog.

  10. Allora i furti in casa, le donne violentate, e tutto il resto, sono tutte pippe mentali di giornalisti e destraioli?

  11. per caso hai letto il mio commento e i due link?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: