Tag Archives: Alessandro Del Piero

ADP, Alessandro Del Piero


Destino. Napoleone fece incidere questa parola su un collier. Sarà per destino che torno a scrivere su questo blog per raccontare di cose tristi. Scrivere di Del Piero è una cosa triste. Bella ma triste, come lui stesso ha detto commentando la conquista dello scudetto. Io e Del Piero siamo quasi coetanei, praticamente siamo diventati adulti assieme. Guardavo le sue giocate quando avevo meno di trent’anni e all’alba dei quaranta assisto al suo addio. Non mi dispiace che smetta, mi intristisce. Sono vittima della nostalgia, più della mia giovinezza che di lui calciatore. Prima o poi tutto finisce. Di eterno, caso mai, c’è solo il ricordo dei bei ricordi.

DI PIU’, NIENTE

Più di 8 scudetti.
Più di una promozione dalla serie B
Più di una Coppa Italia (e speriamo due)
Più di 4 supercoppe italiane
Più di una Champions League
Più di una Supercoppa europea
Più di una Coppa Intercontinentale
Più del gol alla Fiorentina
Più di un gol alla Del Piero
Più del gol a Tokyo
Più delle mie lacrime
Più del gol a Bari
Più di un gol al volo di tacco nel derby
Più di un gol per l’Avvocato
Più della linguaccia contro l’Inter
Più dell’assist a David
Più del gol numero 187
Più del gol alla Germania
Più di Berlino
Più del gol al Frosinone
Più del titolo di capocannoniere in B
Più del titolo di capocannoniere in A
Più della standing ovation al Bernabeu
Più di 704 partite con la stessa maglia
Più di 289 gol
Più di una punizione che vuol dire Scudetto
Più del gol all’Atalanta
Più di ogni record
Più della maglia numero 10 con il nome Del Piero
Più della fascia di capitano

Più di tutto…
C’è quello che mi avete regalato in questi 19 anni.

Sono felice che abbiate sorriso, esultato, pianto, cantato, urlato per me e con me.
Per me nessun colore avrà tinte più forti del bianco e nero.
Avete realizzato il mio sogno. Più di ogni altra cosa, oggi riesco soltanto a dirvi: GRAZIE.

Sempre al vostro fianco
Alessandro

Spiegate il calcio a Narducci


Ho visto per intero l’interrogatorio di Del Piero al processo di Napoli. Il tratto peculiare, e se vogliamo anche più buffo, è stata la domanda finale rivolta dal Pubblico Ministero Narducci a Del Piero. L’accusa ha domandato al capitano della Juve se l’arbitro avesse visto il fallo di Ibrahimovic su Cordoba, successivamente valutato dal giudice sportivo attraverso la prova televisiva e sanzionato con una squalifica di tre turni. Narducci in modo surrettizio ha tentato di dimostrare che l’arbitro di quella gara, De Sanctis, avesse di proposito non valutato il fallo nell’intento di favorire la Juventus. Per chi conosce il calcio e ha un po’ di intelligenza, la domanda appare alquanto stupida, tenuto conto che se De Sanctis avesse visto quel fallo e si fosse trovato nella condizione di voler favorire la Juventus, sarebbe intervenuto fischiando il fallo o dando un cartellino giallo ad Ibrahimovic. Di fatto, il non intervento di De Sanctis ha sfavorito la Juve, contrariamente a quanto pensa il Pm Narducci.

 


Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 2.745 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: